Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1090
Menu

Barbaresco by Bike

  • Vota questo articolo
    (2 voti)
  • Letto 3261 volte

Barbaresco è uno splendido borgo medioevale situato a pochi chilometri da Alba, procedendo verso Neive in direzione Nord Est. Emerge dalle colline circostanti perché costruito su di uno sperone roccioso  - una "rocca" per l’esattezza - che getta lo sguardo sul fiume Tanaro e sulle colline circostanti, che appaiono senza fine in un susseguirsi di vigne e borghi dominati da castelli.


View Tasting Barbaresco by Bike in a larger map

FONDAMENTALI

Percorso: Neive - Treiso (Mango)
Mezzo di locomozione: bicicletta o moto
Durata percorso: 3 ore, 4 con soste 

Come altre vini del Piemonte (Il Barolo, il Roero, il Ghemme e il Gattinara per fare qualche esempio), il pregiato Barbaresco è ottenuto dal vitigno del nebbiolo, ma ha tannini più morbidi e un sapore più fruttato. Come da disciplinare, il Barbaresco Docg può invecchiare un anno meno del suo fratello Barolo, fattore che lo rende leggermente più giovane e “approcciabile”. Il Barbaresco è prodotto in 4 comuni delle Langhe con oltre 130 cantine di produttori: Alba (ma solo la frazione di San Rocco Seno d’Elvio), Neive, Treiso e Barbaresco.

Lo stretto ed elevato paesaggio collinare del Barbaresco rende questa zona perfetta per essere esplorata in bicicletta. Seguite il nostro itinerario da Neive a Treiso e, in una decina di chilometri, potrete ammirare gran parte della zona. Se lo desiderate, potrete anche estendere il percorso e, aggiungendo una trentina di chilometri, godervi l’intera area del Barbaresco e delle zone limitrofe più a Sud.

Cominciamo. Partiamo dal bellissimo borgo di Neive, più precisamente dal Castello di Neive (Via Castelborgo, 1), cantina che prende il nome dal castello del XII secolo, oggi distrutto, i cui resti si possono osservare nella parte alta del paese inglobati alle case e alla Torre. All'interno dell'azienda è possibile esplorare i diversi livelli della cantina e assaggiare il loro passito di Arneis, una vera specialità ottenuta da uve Arneis stramature. Se è l’ora dell’aperitivo o anche solo di un caffè, precipitatevi al Wine Bar Degusto (Piazza Cocito, 1). Vicino all’Hotel Castelbourg. Questo wine bar dall’aria calda e familiare offre una selezione di etichette provenienti da Barbaresco e da alter Regioni d’Italia. Se non fa freddo uscite sull’incantevole terrazza, perfetta per sorseggiare qualcosa in compagnia.

Procedete da Neive in direzione di Barbaresco, dove sarete accolti da piccole case color pastello. Sulla piazza principale sorge una grande meridiana che celebra la coltivazione e la produzione del vino. Fermatevi alla celebre Enoteca del Barbaresco (Piazza del Municipio): i locali sono stati ricavati dalla chiesa sconsacrata di San Donato. L’Enoteca offre oltre 250 etichette da 130 cantine, rappresentando oltre il 90% dei produttori locali.

Sebbene alcuni vini in Piemonte siano essenzialmente biologici, molti non hanno la certificazione. Parecchi produttori operano con trattamenti minimi e non usano (o quasi) la chimica, stando ben al di sotto dei dettami bio. Tuttavia sono pochi quelli che iniziano le pratiche per certificarsi, semplicemente, agiscono secondo una buona tradizione. Ma per i wine lovers che hanno interessi particolari nelle buone pratiche di coltivazione, consigliamo una visita alla Cascina delle Rose (Via Rio Sordo, 58). Giovanna, la titolare, mostra a tutti che il vero lavoro, con il vino, avviene in vigna, non in cantina. E che la vera priorità di una azienda agricola sta nella ricchezza organolettica del terreno. Che siate in vigna o in enoteca, allora, mettete le mani sul loro Barbera Donna Elena, da provare!

Mentre vi dirigete a Sud, in direzione di Tresio, cercate di programmare una sosta da Moccagatta (Via Rabajà,24), una cantina che prende il nome dalla collina dove sono stati piantati i vigneti. Qui prendetevi il tempo di gustare i loro tre cru: Basarin, Cole and Bric Balin, tre Barbaresco con un caratteri radicalmente diversi. Raggiungere Treiso significa anche fare una sosta alla Ciau del Torna Vento (Piazza Leopoldo Baracco, 7). Questo ristorante stellato è condotto dallo chef Maurilio Garola e stupisce per i piatti sofisticati e gustosi, con una lista di vini impressionante, data da una spettacolare cantina interrata che vi consigliamo di visitare. Come spettacolare è la terrazza sui vigneti, da cui ammirare le colline che circondano Alba nelle giornate limpide.

Dopo aver pranzato consigliamo di fare un salto alla cantina Ca’ del Baio sita nella parte opposta di Treiso, verso Barbaresco (Via Ferrere sottano, 33). Prendete Via Ferrere che sale sulla cresta della collina e ammirate il panorama giusto fuori dalla Casa Vacanze San Stefanetto (Via Ferrere, 1). Giunti a Ca’ del Baio, degustate le loro etichette di Barbaresco o le loro due varianti di Chardonnay, una passata in legno e l’altra in acciaio. La famiglia Grasso, che gestisce l’azienda, vi racconterà una storia di vinificazione lunga quattro generazioni e il passaggio dall’allevamento di cavalli alla vigne di Nebbiolo. I Grasso, che hanno vinto numerosi premi internazionali, vantano pratiche di coltivazione sostenibile: minimo uso della chimica e fermentazione ottenuta da lieviti autoctoni.

Per i ciclisti più allenati, il viaggio può continuare sulle colline circostanti. Il nostro suggerimento è di proseguire per Mango tornando verso Tre Stelle e imboccando una bella discesa tra le vigne sulla destra (strada blu sulla mappa). Oppure, se volete un giro più completo, partendo da Alba seguite il percorso che abbiamo evidenziato in verde chiaro. Con i suoi 40 km tocca tutti i luoghi citati e in più vi darà una panoramica sulle colline ad Est di Alba: belle e selvagge.

Dove dormire? A Mango consigliamo le pittoresche Case Bardacchio (Località Bardacchino, 26).Altrimenti ritornate a Neive, troverete parecchi agriturismi sulla strada, tra cui il bel Bed & Breakfast L’Aromatario (Piazza Negro, 4), nel centro storico. Come sempre, per le visite in cantina vi raccomandiamo di prenotare in anticipo.

Il percorso in breve

Partenza: Neive. Arrivo: Treiso; oppure Mango (blu) or Neive (verde)
Lunghezza: 10.8 km; giro opzionale: 17.7 km (percorso blu) o 41 km (percorso verde)
Wine Plus: paesaggi mozzafiato e degustazioni di livello
Vino suggerito: Barbaresco DOCG

Ultima modifica: Martedì, 01 Settembre 2015 12:00
torna all'inizio

Chi Siamo

  • Il progetto Wine Pass
  • Lo staff
  • Contatti
  • Privacy Policy

Login or Register

  • Forgot your password?
  • Forgot your username?
  • Create an account