Menu

Festa dell'Allegria, Gagliardo presenta la nuova annata del Fallegro

  • Vota questo articolo
    (0 voti)
  • Letto 2933 volte
www.gagliardo.it www.gagliardo.it

Il 4 luglio, presso le storiche cantine di La Morra, andrà in scena un grande evento dedicato alla convivialità e allo stare insieme. Protagonista della serata il Fallegro 2012, un Langhe Favorita Doc «versatile e moderno»

Una festa di mezza estate per celebrare la compagnia, la convivialità e la bellezza dello stare insieme. Un vino giovane, rinfrescante e perfetto - quasi per definizione - per suscitare l’allegria: il Fallegro Langhe Favorita Doc 2012. E infine, un ventaglio di eccellenze gastronomiche piemontesi. È questo il gustoso setting che i Poderi Gianni Gagliardo hanno preparato per la Festadell’Allegria 2013, tradizionale appuntamento estivo che premia i consumatori del Fallegro con un party dedicato esclusivamente a loro. 

Il 4 luglio, a partire dalle 19.00, presso l’aia delle storiche Cantine Gagliardo di La Morra, la Festa dell’Allegria sarà un momento informale e piacevole per conoscere l’azienda e brindare con l’annata 2012 del Fallegro: un Langhe  Favorita Doc gentile e versatile, adatto ai brindisi delle calde sere d’estate, agli aperitivi, al pasto e anche al dopocena.

La partecipazione alla Festa dell’Allegria è su invito, ritirabile gratuitamente presso tutti i punti che servono o vendono il Fallegro: «Abbiamo voluto creare un evento dedicato a chi beve il Fallegro», spiega Gianni Gagliardo, «una festa contadina che mettesse in contatto il produttore e il consumatore in un contesto di assoluta familiarità e convivialità. Il carattere principale del nostro Fallegro è la piacevolezza – continua  Gagliardo – caratteristica che lo rende un vino unico, in grado di accompagnare qualsiasi piatto: dagli stuzzichini ai frutti di mare, dalla pasta al sushi, dalla pizza ai salumi fino alla frittura di pesce e a crostacei». 

Il Fallegro dei Poderi Gianni Gagliardo nasce dalle migliori selezioni di uva favorita, un vitigno del Roero con una storia importante e particolare. Dimenticato e quasi estinto fino a pochi anni fa, oggi il Favorita ha riscoperto la sua vocazione da grande vino: «Il Fallegro è stata la mia personale riscoperta di un vitigno abbandonato di cui, da giovane, sentivo sempre parlare con profondo rispetto e ammirazione. Un’uva con una storia antica, legata alle vie del sale e agli ambienti mediterranei. Oggi, un importante vino bianco dall’incredibile fragranza, freschezza e dal gusto sorprendentemente moderno».

Fallegro

Note di cantina

Le uve per il Fallegro vengono vendemmiate a mano, e trasportate in cantina in piccole ceste per essere pressate entro 5 ore dalla raccolta. La selezione delle uve direttamente in vigneto. Dopo la pressatura il mosto subisce il naturale processo di illimpidimento a freddo e poi previo travaso viene lasciato fermentare ad una temperatura di circa 16-18°C. Dopo la fermentazione, il vino viene ulteriormente travasato e assemblato, e svolge la fermentazione malolattica. Dopo un periodo di affinamento di circa 4 mesi in acciaio il Fallegro viene messo in bottiglia, dove normalmente ripose ancore per qualche mese prima della commercializzazione.

torna all'inizio

Chi Siamo

  • Il progetto Wine Pass
  • Lo staff
  • Contatti
  • Privacy Policy

Login or Register

  • Forgot your password?
  • Forgot your username?
  • Create an account