Menu

Le residenze dei Marchesi

  • Vota questo articolo
    (4 voti)
  • Letto 3471 volte

Il Monferrato non è famoso solo per il vino e la buona cucina, ma anche per i castelli che appartennero ai nobili  di queste zone.  Il percorso che vi proponiamo è un piccolo viaggio fra gli affascinanti manieri di Camino, Gabiano e Murisengo.


Visualizza Le residenze dei duchi in una mappa di dimensioni maggiori

Il castello di Camino vi sorprenderà con il parco disseminato di alberi secolari e angoli fioriti. La fondazione risale al X secolo e fu proprietà dei Vescovi d’Asti fino al 1200, quando passò ai Duchi del Monferrato. Ora il castello è una dimora storica con Bed&Breakfat e 12 lussuose stanze. Ampi saloni, cortiletti nascosti e terrazze sono il bello di questo incantevole complesso, teatro di manifestazioni ed eventi di vario genere. La proprietà del castello coltiva anche i vigneti circostanti che offrono vini pregiati.

Spostandovi verso Gabiano in direzione di Chivasso, vi godrete lo spettacolo della vallata del Po e del suo Parco fluviale. I fiumi dell'area torinese sono luoghi emozionanti, corridoi per la migrazione dell'avifauna, dove restano ancora le testimonianze della storia che ha legato l'uomo al fiume.

Arriverete così a cospetto di un borgo medioevale dominato dal castello, la cui area abbraccia anche un parco e un vigneto. Il fortilizio è antichissimo, i documenti storici ne indicano l’esistenza a partire dal secolo VIII. Nel 1164 viene ceduto da Federico Barbarossa al Marchese Guglielmo II di Monferrato e nel corso dei secoli è stato conteso da vari casati.

Da visitare i saloni, i cortili interni con caratteristici pozzi, i torrioni e l’emporio dove è possibile acquistare i vini di produzione propria. Il castello custodisce una delle più piccole DOC d’Italia, il Gabiano, nella versione Riserva «A Matilde Giustiniani», ottenuta da grappoli di barbera di un vigneto storico. 

Gabiano è patria di un’altra piccolissima Denominazione di origine controllata, anch’essa figlia dell’uva barbera: il Rubino di Cantavenna, i cui produttori si contano sulle dita di una mano. Tre suite realizzate in Casa Caccia adiacente al castello, rendono il maniero un rifugio di charme.

Infine c’è ad attendervi il castello di Murisengo, anch’esso appartenuto ai Duchi di Monferrato. Non lasciatevi ingannare da una struttura esterna apparentemente modesta, che con i secoli ha perso il suo impianto originale: l’interno vi stupirà. Ricco di sontuose sale con raccolte artistiche prestigiose, presenta un arredamento in stile barocco e una ricca armeria. Un consiglio: informatevi in Comune sugli eventi culturali che vengono realizzati all’interno del suo suggestivo scenario. Varrà certamente la pena di organizzare una visita per l’occasione.

Ultima modifica: Venerdì, 21 Dicembre 2012 04:01
torna all'inizio

Chi Siamo

  • Il progetto Wine Pass
  • Lo staff
  • Contatti
  • Privacy Policy

Login or Register

  • Forgot your password?
  • Forgot your username?
  • Create an account